Questo sito utilizza i cookie

Per offrirti la migliore esperienza possibile, il sito Web GAM utilizza i cookie. Puoi leggere qui le informazioni complete dei nostri cookie. La tua privacy è importante per noi e ti invitiamo a leggere la nostra politica sulla privacy qui.

OK
False daf6b1ec-c339-4d14-a472-0cf4e5138fff

Digital 4.0 - la prossima fase dell’innovazione tecnologica

15 ottobre 2020

Mark Hawtin, Investment Director di GAM Investments, che una rivoluzione digitale di quarta generazione sia destinata a innescare un cambiamento tecnologico ancora più rapido, creando opportunità di investimento in svariati settori.

Già all’inizio del 2020, prima che scoppiasse l’epidemia da Covid-19, avevamo sottolineato che le nuove tecnologie in rapida crescita, come l’intelligenza artificiale (AI), l’Internet of Things, i big data e la blockchain sono destinate a diventare il motore trainante del potere dirompente della tecnologia, ampliando il divario tra vincitori e vinti. A nostro giudizio, queste tecnologie abbinate all’effetto rete (per cui il valore di una rete aumenta in modo esponenziale con il numero di utenti) rappresentano una rivoluzione digitale di quarta generazione che dovrebbe subire un’accelerazione post-Covid.

La quarta ondata di tale fenomeno, ovvero “digital 4.0”, sarà più ampia di quelle che l’hanno preceduta. Digital 1.0 riguardò migliaia di computer mainframe negli anni ‘70. Negli anni ’80 e ‘90, milioni di sistemi client server alimentarono la seconda ondata della rivoluzione digitale, mentre negli anni 2000 “digital 3.0” dipese dalla diffusione di miliardi di smartphone. Oggi sono migliaia di miliardi i dispositivi connessi all’Internet of Things, mentre big data e intelligenza artificiale hanno dato origine a una nuova era di crescita e connettività, trasformando i business model e creando nuove opportunità di investimento. Il rischio per gli investitori sta quindi nel restare ancorati alla fase precedente e non prepararsi alla successiva.

Anziché limitarsi ad avere in portafoglio i titoli principali (Amazon, Facebook e Google), crediamo sia fondamentale per gli investitori scovare le società che potrebbero beneficiare della prossima fase. Le aree di investimento che consentiranno di sfruttare il potere dirompente della tecnologia nei prossimi 5-10 anni saranno prevedibilmente il settore sanitario, dei trasporti e industriale, e le opportunità potrebbero anche non arrivare dalle big tech che hanno trascinato al rialzo i principali indici negli ultimi dieci anni.

Secondo le stime, la valutazione del mercato per il settore sanitario digitale supererà quota 639,4 miliardi di dollari entro il 2026, in aumento rispetto ai 106 miliardi di dollari del 2019. Si ritiene che il crescente numero di utenti di smartphone in tutto il mondo sarà decisivo per lo sviluppo di questo mercato. L’espansione sarà favorita inoltre dalla rapida crescita delle infrastrutture IT in campo sanitario, sia nei Paesi sviluppati che in quelli emergenti. C’è inoltre maggiore consapevolezza tra la popolazione dell’importanza del benessere e della salute, e ciò promuoverà l’adozione di tali prodotti alimentando la crescita del mercato.

Crediamo che la tecnologia sia la principale soluzione all’aumento dei costi del settore sanitario. Per esempio, l’archiviazione elettronica dei dati dei pazienti farà diminuire molto i costi. Rileviamo interessanti opportunità nel campo dell’intelligenza artificiale, dell’Internet of Things e del 5G che consentiranno la prestazione di servizi sanitari di qualità negli ospedali in aree remote e in zone rurali. Inoltre, la capacità di analizzare i dati in modo più rapido e accurato potrà prevenire gravi problemi di salute, mentre i big data e l’intelligenza artificiale accelereranno la costruzione di modelli sul comportamento delle malattie nonché la ricerca farmaceutica.

Nel campo dei trasporti c’è maggiore interesse per le auto elettriche, la mobilità condivisa e i veicoli a guida autonoma. Secondo le stime, da solo il mercato dei veicoli a guida autonoma ammontava a 6,6 milioni di unità nel 2017 e dovrebbe raggiungere i 67,5 milioni di unità entro il 2028, con un tasso di crescita composito annuo del 20,78% nel periodo in esame . Questa proiezione di crescita si riflette per esempio nella valutazione di Tesla, la cui quotazione azionaria ha raggiunto livelli stratosferici nell’ultimo anno. Crediamo che emergeranno altre opportunità tra le aziende che operano nel campo dei sistemi operativi di guida, delle piattaforme informatiche e dei trasporti come servizio. D’altra parte, crediamo che il mercato del ride sharing (Uber, Lyft) abbia ancora molta strada da fare prima di trovare il modello giusto.

Le fabbriche del futuro probabilmente dipenderanno dall’analisi predittiva automatizzata, dal blockchain per la pianificazione delle risorse d’impresa e per la gestione della catena di distribuzione, dai robot collaborativi (cobot) e dalla realtà aumentata industriale.

In ultima analisi, a nostro avviso, emergeranno nuovi vincitori che utilizzeranno lo straordinario effetto rete digitale in grado di consentire una crescita esponenziale. La rivoluzione digitale di quarta generazione farà accelerare ancora di più il cambiamento, con l’Internet of Things che - grazie alla tecnologia 5G, ai big data e all’intelligenza artificiale - scatenerà un’ondata digitale di più ampia portata rispetto a quelle che l’hanno preceduta.

Importanti avvertenze legali
I dati esposti in questo documento hanno unicamente scopo informativo e non costituiscono una consulenza in materia di investimenti. Le opinioni e valutazioni contenute in questo documento possono cambiare e riflettono il punto di vista di GAM nell’attuale situazione congiunturale. Non si assume alcuna responsabilità in quanto all’esattezza e alla completezza dei dati. La performance passata non è un indicatore dell’andamento attuale o futuro.
Invalid MyFavouriteContentDialogViewModel detectedTitleText or MessageText is not populated