Questo sito utilizza i cookie

Per offrirti la migliore esperienza possibile, il sito Web GAM utilizza i cookie. Puoi leggere qui le informazioni complete dei nostri cookie. La tua privacy è importante per noi e ti invitiamo a leggere la nostra politica sulla privacy qui.

OK
False f23c0d8a-5b42-40c0-a78d-bbf479a304f3

Outlook azionario 2021: selettività durante un sovralimentato momento di cambiamento

22 dicembre 2020

Covid-19 continua a sovralimentare gli spostamenti strutturali in più settori, con conseguente polarizzazione tra vincitori e vinti. Amanda Lyons, Niall Gallagher e Ali Miremadi di GAM Investments passano in rassegna un anno straordinario di cambiamenti e discutono sull'importanza della selettività nei mercati azionari mentre ci avviciniamo al 2021.

Amanda Lyons – Investment Manager, Technology Equities

La pandemia di Covid-19 ha portato a una polarizzazione del mercato tra vincitori e vinti. Molti nomi della tecnologia rientrano nella categoria dei vincitori. Il 2020 ha visto un significativo spostamento verso l'e-commerce e il digitale a scapito dell'offline, con molte aziende che hanno riferito di aver sperimentato l'equivalente di diversi anni di crescita in pochi mesi. Ma forse il tema più importante dell'anno è stata la rotazione verso il lavoro da casa / da remoto. La tecnologia è diventata l'obiettivo principale per i consigli di amministrazione, poiché le aziende si sono dovute assicurare che i propri sistemi fossero abbastanza solidi da consentire a tutta la forza lavoro di operare da remoto. Zoom si è rapidamente evoluto da un attore poco conosciuto nella nicchia dei software per conferenze a un termine d’uso nel linguaggio comune.

Sebbene molti “vincitori” del 2020 ora siano su percorsi di crescita più elevata rispetto al periodo pre-crisi, riteniamo comunque che non rappresentino necessariamente le migliori opportunità per il 2021. Al contrario, alcune delle aziende meno amate del 2020 stanno diventando più attraenti con il venir meno delle restrizioni. Per quasi tutto il 2020, i viaggi si sono fermati e, comprensibilmente, sia le aziende legate ai viaggi d'affari che quelle attive nel turismo hanno sofferto per quasi tutto il 2020. I dati dei sondaggi più recenti suggeriscono che l’attività numero uno che le persone vorranno fare nel periodo post crisi è viaggiare, in particolare per piacere. Questo significa che c’è un'enorme domanda repressa. Allo stesso tempo, le stime di consenso dicono che per diversi anni, non ci sarà una piena ripresa dell'industria dei viaggi. Questo divario tra le stime di ripresa e la domanda repressa è un’opportunità per gli investitori.

Al di là della potenziale rotazione verso i ciclici, siamo a un punto di svolta di un cambiamento strutturale permanente. Stiamo passando da un mondo con miliardi di dispositivi (Digital 3.0) a un mondo con trilioni di dispositivi (l'era dell’Internet of Things, Digital 4.0). I progressi nell'intelligenza artificiale (AI), la capacità di elaborare, utilizzare e archiviare i dati e il lancio del 5G significano che ora questo è possibile. Questo tema si svolge in più verticali, in particolare nella sanità, nei trasporti, nella robotica e nell’automazione del lavoro di conoscenza. Al centro del Digital 4.0 c'è il cloud. Con la penetrazione del cloud ancora inferiore al 10%, le opportunità future sono enormi.

A nostro avviso, il 2020 sarà considerato un punto di svolta in cui la trasformazione digitale è stata spinta in cima alla lista delle priorità. Le aziende che nel 2021 (e più avanti) incorporeranno con successo la tecnologia si distingueranno da quelle che non lo faranno. Stiamo già assistendo a una polarizzazione che è destinata ad aumentare.

Niall Gallagher – Investment Director, European Equities

Una volta che i programmi di vaccinazione saranno avanzati nel primo trimestre del 2021, prevediamo che le restrizioni verranno ridotte, la fiducia dei consumatori aumenterà e l'attività economica accelererà notevolmente nelle aree più colpite. Molti consumatori non si sono ritrovati senza un reddito grazie ai programmi di mantenimento dei posti di lavoro finanziati dal governo, e con le restrizioni ai canali di spesa nel 2020 questo ha portato a un accumulo storicamente elevato di liquidità nei conti bancari dei consumatori e a tassi di risparmio record. Ci aspettiamo che molti di questi risparmi soprannaturali vengano spesi nel 2021. Tuttavia, l'aumento della marea non solleverà tutte le barche - è probabile che continui ad esserci un'elevata dispersione dei rendimenti a causa di caratteristiche specifiche delle azioni.

Rimaniamo quindi altamente selettivi. Le azioni europee con forti franchise, rendimenti elevati nel corso del ciclo e bilanci solidi dovrebbero uscire da questa crisi, a nostro avviso, rafforzati in termini competitivi. Una forte ripresa economica non farà deragliare quelle tendenze strutturali di cui discutiamo da tempo e che sono state sovralimentate nel 2020 - l'ascesa della classe media asiatica, il passaggio da offline a online del commercio, la trasformazione digitale, la decarbonizzazione e l'agenda green. Per molti aspetti l'epicentro della crescita si troverà in quelle parti del mondo dove il cambiamento è stato più dinamico. Tuttavia, è probabile che vi sia una maggiore selettività e maggiori opportunità nei mercati europei azionari o anche in quelle aree che sono state colpite in modo sproporzionato dalla crisi Covid-19. Le tendenze strutturali potranno anche non dominare i titoli dei giornali per alcuni mesi, ma continueranno a guidare la crescita operativa composita di specifiche aziende ben posizionate in cui investiamo.

Ali Miremadi – Investment Director, Global Value Equities

La condizioni delle azioni USA in apertura d’anno nuovo sono guidate da diversi potenti fattori che raramente si vedono tutti insieme: un probabile forte rimbalzo economico reso possibile dall'introduzione dei vaccini; una politica monetaria straordinariamente accomodante; un ulteriore stimolo fiscale. Solo su questa base, le prospettive per i rendimenti azionari sono positive. A ciò si contrappongono altri due punti particolarmente importanti: l'elevata valutazione delle azioni su qualsiasi precedente storico e le prospettive di inflazione. La nostra aspettativa è che a breve termine il recente recupero del value e la sovra-performance dei settori ciclici del mercato continueranno probabilmente a crescere, ma molto presto, forse già nel primo trimestre del 2021, i rendimenti di mercato diventeranno più idiosincratici e specifici in base ai singoli titoli. La logica è semplice. Dopo la crisi finanziaria globale, i rendimenti azionari sono stati in gran parte beta e guidati da fattori vari. In breve, in un mondo a bassa crescita e con tassi di interesse molto bassi, i due importanti richiami dovevano riguardare attività a lungo rischiose come le azioni e, all'interno delle azioni, avere la massima esposizione possibile alla crescita. Il principale fattore trainante è stato il continuo calo dei tassi d'interesse a lungo termine dal 2008 al 2020. È aritmeticamente impossibile che ciò si ripeta, il che significa che non possiamo aspettarci la stessa implacabile rivalutazione al rialzo delle azioni orientate alla crescita in futuro. Ci aspettiamo invece che l'alfa generato dalla selezione delle azioni diventi la caratteristica dominante della performance del mercato azionario statunitense in futuro.

Nel breve termine, i margini di profitto saranno probabilmente al ribasso nel quarto trimestre del 2020, ma poi dovrebbero riprendersi rapidamente, con un effetto di leva operativa nettamente positivo alla riapertura dell'economia. Sembra improbabile che la pressione sui salari sia significativa, date le prospettive occupazionali. Ci sono diverse potenziali mosse politiche che potrebbero influenzare questo quadro. Il presidente eletto Biden è a favore dell'aumento del salario minimo nazionale a 15 dollari all'ora e dell'aumento delle imposte federali sulle società dal 21% al 28%. È possibile che una politica commerciale estera meno mercantilista possa anche ridurre i dazi aggregati dal 3,2% dell’attuale amministrazione. I risultati della doppia corsa al Senato in Georgia all'inizio di gennaio saranno importanti in questo contesto.

Ci aspettiamo che l'ampiezza del mercato si allarghi, poiché è improbabile che le big tech rimangano in futuro così dominanti nella crescita complessiva degli utili dello S&P 500, come è avvenuto nel 2020. All'inizio del 2021, a nostro avviso, gli industriali e i materiali dovrebbero registrare buone performance. Ci aspettiamo che la relativa sovra-performance delle aziende con forti credenziali ESG continui. L’healthcare dovrebbe uscire bene dalla pandemia, aiutato dall'eliminazione dell'incertezza politica legata alle elezioni. Alcune aree del settore tech sono chiaramente molto costose, ma riscontriamo ancora opportunità selettive, con l'esposizione a temi pluriennali come il 5G e l'Internet of Things. Anche l'esposizione ai veicoli elettrici è disponibile a valutazioni ragionevoli. Attualmente privilegiamo le azioni legate all'edilizia abitativa; anni di ridotto sviluppo immobiliare hanno colpito l'offerta, mentre abbiamo visto una forte domanda trainata da tassi ipotecari a minimi record, che aiuta l'accessibilità economica. Inoltre, i solidi bilanci delle famiglie uscendo dalla pandemia aiutano ad alimentare la fiducia. Il recente spostamento della domanda dalla città verso le zone più lontane dal centro è positivo anche per i costruttori, che si concentreranno sulle case piuttosto che sugli appartamenti in città.

Importanti avvertenze legali
I dati esposti in questo documento hanno unicamente scopo informativo e non costituiscono una consulenza in materia di investimenti. Le opinioni e valutazioni contenute in questo documento possono cambiare e riflettono il punto di vista di GAM nell’attuale situazione congiunturale. Non si assume alcuna responsabilità in quanto all’esattezza e alla completezza dei dati. La performance passata non è un indicatore dell’andamento attuale o futuro.
Invalid MyFavouriteContentDialogViewModel detectedTitleText or MessageText is not populated