Questo sito utilizza i cookie

Per offrirti la migliore esperienza possibile, il sito Web GAM utilizza i cookie. Puoi leggere qui le informazioni complete dei nostri cookie. La tua privacy è importante per noi e ti invitiamo a leggere la nostra politica sulla privacy qui.

OK

Obbligazioni legate a obiettivi di sostenibilità: quali vantaggi per gli investitori?

PER VEDERE I PRODOTTI E SERVIZI LOCALI

Seleziona il tuo Paese di domicilio

Il mercato delle obbligazioni SLB, legate a criteri di sostenibilità, è ancora nelle fasi iniziali ma la sua popolarità sta crescendo. Andrew Dewar di GAM Investments esamina questi strumenti collegati ai fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) che possono rappresentare un incentivo economico tangibile per le società che vogliono migliorare le procedure di sostenibilità nel lungo periodo.

24 agosto 2021

Le obbligazioni correlate ai temi ESG, in particolare i green bond, negli ultimi anni hanno registrato una crescita esponenziale. Come evidenziato nella figura 1, nel 1° trimestre 2021 sono state emesse obbligazioni ESG per 104 miliardi di dollari, oltre il 55% delle emissioni totali nel 2020; il mercato si avvia dunque a registrare un altro anno record. La percentuale di obbligazioni collegate a temi ESG sul totale delle obbligazioni societarie è anch’essa in aumento: nel 1° trimestre del 2021, il 23% delle emissioni investment grade in euro è indicato come ESG (in aumento dal 9% nell’esercizio 2020).

Figura 1: Anno record per le emissioni di obbligazioni societarie ESG (in miliardi di dollari)

 
Fonte: Dealogic, Barclays Research. Dati al 9 aprile 2021. Solo emittenti societari. Solo obbligazioni in valuta forte di mercati sviluppati. Escluse obbligazioni coperte. Comprende sia le obbligazioni “con destinazione specifica dei proventi” che quelle collegate a obiettivi di sostenibilità.

La maggior parte delle obbligazioni con temi ESG riporta una destinazione specifica dei proventi, ovvero finanzia specificatamente progetti verdi, sociali o di sostenibilità. Si sta diffondendo sempre più un nuovo tipo di obbligazione ESG che, a nostro giudizio, ha le potenzialità per trainare il cambiamento dei processi di sostenibilità a lungo termine degli emittenti. Si tratta delle obbligazioni SLB collegate a obiettivi di sostenibilità.

Le SLB, da non confondere con le obbligazioni di sostenibilità, sono strumenti in cui l’emittente si impegna a rispettare obiettivi di sostenibilità predefiniti. Se gli obiettivi non vengono raggiunti, le condizioni delle obbligazioni cambiano a vantaggio dell’investitore, per esempio attraverso un aumento della cedola o il pagamento di un capitale più alto a scadenza. Gli obiettivi di sostenibilità che vengono scelti devono essere rilevanti per l’attività dell’emittente: misurabili, verificabili esternamente e con un indice di riferimento. 

A differenza delle obbligazioni verdi, sociali e di sostenibilità, le obbligazioni SLB non presentano limitazioni in termini di utilizzo dei proventi e i fondi raccolti non devono essere utilizzati per progetti di sostenibilità. Tuttavia, l’aspetto cruciale di questi titoli è l’impegno da parte dell’emittente a operare cambiamenti collegati ai criteri di sostenibilità del proprio business model nel lungo periodo. 

Per esempio, in occasione della recente emissione di Ahold Delhaize, rivenditore di alimentari olandese, l’azienda si è impegnata a ridurre le emissioni di CO2 Scope 1 e Scope 2 (in base alla classificazione del protocollo delle emissioni di gas serra) del 29% rispetto al dato di riferimento del 2018 e a ridurre gli scarti di alimentari del 32% rispetto al dato del 2016. Se gli obiettivi non venissero raggiunti entro il 2025, la cedola verrebbe incrementata di 25 punti base. Gli indicatori utilizzati non riguardano solamente problematiche ambientali, ma anche la diversità di genere, l’accesso alle cure mediche o all’occupazione per i più svantaggiati.

Le obbligazioni SLB sono interessanti per gli investitori in quanto strumento per accelerare i cambiamenti sul fronte della sostenibilità. Se l’emittente raggiunge gli obiettivi, riduce i rischi per la sostenibilità, diventando una società più interessante in cui investire. Se non raggiunge gli obiettivi, le obbligazioni producono un rendimento più elevato. Il prodotto favorisce anche gli emittenti poiché consente di sottoscrivere un debito a costi più contenuti (se riescono a raggiungere l’obiettivo) rispetto a un’emissione ordinaria. 

Essendo un mercato ancora agli inizi, occorre restare vigili e assicurarsi che gli emittenti fissino obiettivi realistici e ambiziosi, e che non utilizzino semplicemente questo prodotto a fini pubblicitari. La mancanza di uno standard nel mercato delle obbligazioni SLB rende inoltre difficile fissare il prezzo di tali strumenti. Per accelerare il processo di standardizzazione, nel giugno del 2020 l’International Capital Market Association ha pubblicato una serie di principi contribuendo alla crescita del mercato. Nel 1° trimestre di quest’anno le emissioni di SLB sono aumentate più che nell’intero 2020 (10,2 miliardi di dollari rispetto a 7,9 miliardi di dollari nel 2020).

Riteniamo che le obbligazioni SLB siano un prodotto ESG promettente ed esclusivo, in grado di rappresentare un incentivo economico tangibile per le società che intendono migliorare la sostenibilità nel lungo periodo e stimolare il cambiamento. Per GAM si tratta di un’area del mercato sempre più richiesta dagli investitori che vogliono puntare su aziende responsabili, pertanto crediamo che in futuro le obbligazioni SLB diventeranno una parte più consistente dei nostri portafogli. 

 
Informazioni importanti
Le informazioni contenute in questo documento hanno unicamente fine informativo e non vanno considerate come una consulenza di investimento. Le opinioni e le valutazioni contenute in questo documento possono cambiare e riflettono il punto di vista di GAM nell’attuale situazione congiunturale. Non siamo responsabili dell’accuratezza e della completezza delle informazioni contenute nel presente documento. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri così come di presenti o futuri trend. Gli strumenti finanziari menzionati sono riportati unicamente a scopo di esempio e non vanno considerati un’offerta diretta, una raccomandazione o un consiglio di investimento. Il riferimento a un titolo non rappresenta un suggerimento di acquisto o di vendita di tale titolo. I titoli indicati sono stati selezionati da un universo di titoli coperti dai portfolio manager per far meglio comprendere al lettore i temi presentati. I titoli citati non fanno necessariamente parte di un portafoglio e non rappresentano un suggerimento di investimento da parte dei portfolio manager.

Andrew Dewar

Investment Manager

Articoli Correlati

Il credito ha ancora credito

Casey Goldmann

Marchi di lusso: le collaborazioni tornano di moda

Swetha Ramachandran

I VARPS, un'opportunità decorrelata nei mercati di frontiera

Tim Love

Opinioni d'investimento
Invalid MyFavouriteContentDialogViewModel detectedTitleText or MessageText is not populated