Skip to main content

The Disruptive Strategist: i robot-taxi - in libertà per le strade di San Francisco

Vi sareste mai immaginati di prendere un robotaxi senza conducente? Sta diventando realtà. Pieran Maru analizza l’arrivo dei robotaxi, con un esperimento per le strade di San Francisco, e il coinvolgimento di aziende come Waymo e Cruise e del supercomputer Dojo di Tesla.

16 novembre 2023

Clicca qui per visualizzare la newsletter integrale Disruptive Strategist (disponibile solo in EN).

San Francisco è sempre stata all’avanguardia nello sviluppo e nella sperimentazione dei robotaxi in città. Grazie a un ecosistema dinamico di start-up nel campo dei veicoli a guida autonoma e a norme che ne consentono la sperimentazione, la città è all’epicentro di tale sviluppo. Una reputazione consolidata nell’agosto del 2023, dopo che la Commissione per i servizi pubblici della California ha votato a favore dell’avvio del servizio commerciale, 24 ore su 24, dei robotaxi di Waymo e Cruise. La decisione della commissione è arrivata dopo un’animata udienza pubblica che è durata oltre sei ore, in cui i robotaxi sono stati presentati come un fattore positivo per il turismo in città, come i famosi tram. Chi si oppone ai robotaxi ne sottolinea invece il comportamento imprevedibile, le fermate impreviste e i rischi per la sicurezza degli altri utenti della strada. Non sono mancate le proteste, e dei coni stradali sono stati posizionati in modo da ostacolare il passaggio dei robotaxi.

Waymo, che ha una lista d’attesa di 100.000 utenti, punta a espandersi a Los Angeles e poi anche a Austin, in Texas. Il concorrente Cruise ha incontrato qualche difficoltà in più. A seguito di una richiesta dell’agenzia che amministra la registrazione dei veicoli a motore, Cruise ha dimezzato la sua flotta. La decisione dipende da una serie di incidenti, tra cui lo scontro con un’ambulanza.

 

I robotaxi a guida autonoma hanno fatto notizia, ma gran parte degli sviluppi riguarda i sistemi di guida assistita (ADAS) e di automazione parziale/condizionale già presenti nelle auto per il trasporto di passeggeri. Dunque in che tipo di automazione rientrano i robotaxi, e quali implicazioni ci saranno per il mercato di massa delle auto per passeggeri in futuro?

ADAS: i livelli di automazione

 

Secondo la definizione della SAE International, i sistemi di automazione della guida si possono suddividere in sei livelli, su una scala da 0 a 5. I robotaxi di San Francisco sono ad alta automazione, dunque di livello 4. La presenza umana non è necessaria e il sistema può operare entro un’area specifica. Le auto per passeggeri in genere hanno un’automazione di livello 2. Mercedes offre, da diversi anni, auto a guida parzialmente autonoma di livello 2, con il sistema di mantenimento della corsia, la frenata automatica d’emergenza e il cruise control adattivo. Più recentemente, il suo sistema Drive Pilot è stato il primo a guida autonoma di livello 3 a ricevere l’approvazione negli Stati Uniti. Il sistema prende il controllo della guida a determinate condizioni, con velocità fino a 65 km/orari in autostrada o in caso di traffico intenso. Il livello 3 richiede comunque la presenza umana, che subentra laddove necessario.

Dojo

Tesla è all’avanguardia nell’utilizzo di tutti i dati video prodotti per addestrare le sue reti neurali. Dojo è un supercomputer costruito da zero per l'apprendimento automatico basato sull'intelligenza artificiale. Sfrutta i dati raccolti dai veicoli per accelerare lo sviluppo della funzionalità della guida autonoma totale che, al momento, è limitato dalla capacità di raccolta ed elaborazione dei dati video dei veicoli. Attraverso lo sviluppo di un’architettura di supercalcolo avanzato che si basa su un sistema al silicio personalizzato, secondo Tesla, Dojo diventerà uno dei primi cinque supercomputer al mondo per unità di elaborazione grafica o GPU. C’è chi si chiede se Tesla sia semplicemente una società automobilistica oppure una società tecnologica: con Dojo l’ago della bilancia penderà verso il settore tech. Secondo le stime di un analista di Morgan Stanley, il supercomputer Dojo potrebbe incrementare il valore di mercato della società di 500 miliardi di dollari con la possibilità di accedere a nuovi mercati, la rapida adozione dei robotaxi, i servizi di rete o l’offerta delle sue capacità di guida totalmente autonoma ad altri produttori di automobili. I robotaxi e i sistemi a guida autonoma hanno le potenzialità di semplificarci la vita e migliorare la sicurezza. Con gli sviluppi tecnologici e la riduzione dei costi di utilizzo, i veicoli a guida autonoma tra cui i robotaxi potrebbero diventare sempre più diffusi.

Avvertenze e informazioni importanti
Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo puramente informativo e non costituiscono una consulenza di investimento. Le opinioni e le valutazioni contenute nel presente documento possono cambiare e riflettono il punto di vista di GAM nell'attuale contesto economico. Non si assume alcuna responsabilità per l'accuratezza e la completezza delle informazioni contenute nel presente documento. Le performance passate non sono un indicatore delle tendenze attuali o future. Gli strumenti finanziari citati sono forniti a scopo puramente illustrativo e non devono essere considerati un'offerta diretta, una raccomandazione di investimento o una consulenza di investimento o un invito a investire in qualsiasi prodotto o strategia di GAM. Il riferimento a un titolo non costituisce una raccomandazione ad acquistare o vendere quel titolo. I titoli elencati sono stati selezionati dall'universo dei titoli coperti dai gestori di portafoglio per aiutare il lettore a comprendere meglio i temi presentati. I titoli inclusi non sono necessariamente detenuti da alcun portafoglio, non rappresentano alcuna raccomandazione da parte dei gestori di portafoglio né una garanzia di realizzazione degli obiettivi.

Questo materiale contiene dichiarazioni previsionali relative agli obiettivi, alle opportunità e alla performance futura del mercato statunitense in generale. Le dichiarazioni previsionali possono essere identificate dall'uso di parole come "credere", "aspettarsi", "anticipare", "dovrebbe", "pianificato", "stimato", "potenziale" e altri termini simili. Esempi di dichiarazioni previsionali sono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, le stime relative alle condizioni finanziarie, ai risultati delle operazioni e al successo o meno di una particolare strategia di investimento. Tutte sono soggette a vari fattori, tra cui, a titolo esemplificativo, le condizioni economiche generali e locali, l'evoluzione dei livelli di concorrenza all'interno di determinati settori e mercati, le variazioni dei tassi d'interesse, le modifiche legislative o regolamentari e altri fattori economici, competitivi, governativi, normativi e tecnologici che influenzano le operazioni di un portafoglio e che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente dai risultati previsti. Tali dichiarazioni sono di natura previsionale e comportano una serie di rischi noti e ignoti, incertezze e altri fattori e, di conseguenza, i risultati effettivi potrebbero differire materialmente da quelli riflessi o contemplati in tali dichiarazioni previsionali. Si invitano i potenziali investitori a non fare eccessivo affidamento su qualsiasi dichiarazione o esempio di previsione. Nessuno di GAM, né delle sue affiliate o dei suoi principali, né di qualsiasi altra persona fisica o giuridica si assume l'obbligo di aggiornare le dichiarazioni previsionali a seguito di nuove informazioni, eventi successivi o qualsiasi altra circostanza. Tutte le dichiarazioni contenute nel presente documento si riferiscono esclusivamente alla data in cui sono state rilasciate.

Contattaci – Ci piacerebbe ricevere il tuo parere

Articoli correlati

Small&Mid Cap europee: sono insolitamente convenienti rispetto al resto del mercato?

Niall Gallagher

La decarbonizzazione dell’Europa: la spinta a net zero fa bene al mercato azionario europeo

Niall Gallagher

Banche europee – gli investitori danno credito a chi lo merita

Niall Gallagher

Opinioni d'investimento

Contatto

Per contattare il team locale di riferimento, seleziona il tuo Paese di domicilio o visita la sezione Contatti e Sedi.