Skip to main content

I Soldi in Testa: Lezione N˚474

La fiducia del cliente nel consulente (e viceversa)

03 novembre 2022

A differenza di altri consulenti, il consulente finanziario deve combattere con le emozioni e i pregiudizi dei clienti, talvolta forti e fuorvianti: un ruolo che richiede tatto e in cui la fiducia ed il continuo rinnovarsi della fiducia sono ingredienti indispensabili soprattutto in questo tempo in cui l’instabilità prende il posto della prevedibilità. Più imprevedibile è il mondo, più prevedibile deve essere il rapporto tra consulente e cliente perché dalla prevedibilità nasce e si rinforza la fiducia.

Leggi l’articolo (Pdf)

Disposizioni importanti di carattere legale
I dati esposti in questo documento hanno unicamente scopo informativo e non costituiscono una consulenza in materia di investimenti. Le opinioni e valutazioni contenute in questo documento possono cambiare e riflettono il punto di vista di GAM nell’attuale situazione congiunturale. Non si assume alcuna responsabilità in quanto all’esattezza e alla completezza dei dati. La performance passata non è un indicatore dell’andamento attuale o futuro.

 

Prof. Paolo Legrenzi

Professore Emerito di Psicologia Cognitiva
Approfondimenti

Articoli correlati

I Soldi in Testa: Lezione N˚542

Prof. Paolo Legrenzi

LAlpha e il Beta: Tu, ragazzo dell’Europa

Carlo Benetti

I Soldi in Testa: Lezione N˚541

Prof. Paolo Legrenzi

I Soldi in Testa