Skip to main content

I Soldi in Testa: Lezione N˚543

Perché i clienti non imparano e ci vuole sempre un consulente

23 maggio 2024

Nella gerarchia delle conoscenze, quelle che i risparmiatori dovrebbero avere chiare per fare buona programmazione finanziaria, appartengono quasi tutte all’ultimo livello, quello delle cose “che non sappiamo di non sapere”. Il tempo che trascorre si trasforma in una assicurazione comportamentale non contro eventi imprevisti, come le assicurazioni ordinarie, il tempo è un’assicurazione contro il dolore delle perdite perché saranno state compensate dai guadagni precedenti. Cambia la prospettiva del consulente, “angelo custode” della pianificazione e della formazione del risparmio e, solo in seguito, degli investimenti.


Disposizioni importanti di carattere legale
I dati esposti in questo documento hanno unicamente scopo informativo e non costituiscono una consulenza in materia di investimenti. Le opinioni e valutazioni contenute in questo documento possono cambiare e riflettono il punto di vista di GAM nell’attuale situazione congiunturale. Non si assume alcuna responsabilità in quanto all’esattezza e alla completezza dei dati. La performance passata non è un indicatore dell’andamento attuale o futuro.

 

Prof. Paolo Legrenzi

Professore Emerito di Psicologia Cognitiva
Approfondimenti

Articoli correlati

La Musa dei Mercati: The French Connection

Massimo De Palma

I Soldi in Testa: Lezione N˚547

Prof. Paolo Legrenzi

LAlpha e il Beta: Banchieri sull’orlo di una crisi di nervi

Carlo Benetti

I Soldi in Testa