Skip to main content

I CoCo AT1 sono ancora interessanti

Le obbligazioni convertibili contingenti (CoCo) AT1 hanno fatto notizia nel corso del primo trimestre a seguito dell’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. Secondo Romain Miginiac, Direttore Ricerca di Atlanti, il mercato AT1 resta comunque interessante nell’ambito del debito subordinato delle società finanziarie europee.

30 maggio 2023

La svalutazione dei titoli CoCo AT1 di Credit Suisse, imposta dall’autorità di vigilanza svizzera FINMA, ha gettato un’ombra sul futuro di questa classe di investimento. Il possibile calo della domanda di AT1, i premi per il rischio molto più alti per gli investitori e l’incapacità delle banche di accedere al mercato sono alcuni degli argomenti saliti alla ribalta dopo l’evento più significativo che ha coinvolto il mercato degli AT1 ad oggi. Quando si calmeranno le acque, nel medio/lungo termine, la volatilità potrebbe restare elevata, tuttavia è improbabile che ci saranno danni permanenti. A nostro giudizio, nulla è veramente cambiato per i detentori di CoCo AT1 delle banche europee e britanniche.

La vicenda di Credit Suisse non rivoluzionerà il mercato degli AT1

A parte il caso Credit Suisse, la fine del mercato AT1 era già stata decretata altre volte in passato, per esempio a seguito del salvataggio finanziario di Banco Popular nel 2017 o del mancato rimborso di un AT1 da parte di Banco Santander nel 2019. Oggi questi episodi sono ricordati come poco rilevanti, e l’asset class ha continuato a esistere. La svalutazione dei CoCo AT1 di Credit Suisse è indubbiamente l’evento più significativo che ha colpito questo mercato. Non crediamo però che avrà effetti rivoluzionari.

A inizio 2023, Credit Suisse rappresentava circa l’8% del mercato dei CoCo AT1 delle banche europee, con obbligazioni in circolazione per 17 miliardi di dollari (valore nominale ). Sebbene si sia trattato di un brutto colpo per il mercato, le perdite a più lungo termine dei CoCo AT1 restano contenute. Credit Suisse e Banco Popular sono stati gli unici due eventi di perdita in dieci anni dalla nascita del mercato degli AT1, e la perdita annualizzata in 10 anni per gli AT1 è stata dell’1% circa all’anno, a confronto con il 2,5% circa del segmento high yield globale. A nostro giudizio, gli investitori sono disposti a investire nell’high yield con un rendimento più basso dei CoCo AT1, e perdite più alte, per cui non ci sembra che quest’asset class abbia perso la capacità di attirare interesse. Inoltre, le autorità di vigilanza dell’UE e del Regno Unito sono intervenute subito a rassicurare gli investitori che la gerarchia dei creditori sarà rispettata (gli AT1 vengono prima delle azioni) e hanno confermato che gli AT1 sono una parte essenziale della struttura del capitale delle banche. La profonda dislocazione sui mercati potrebbe portare a costi di emissione proibitivi nel medio termine, tuttavia è improbabile che metta a repentaglio la possibilità di sopravvivenza di quest’asset class.

Le valutazioni dei CoCo AT1 delle banche europee presentano una totale dislocazione in questo momento, con rendimenti a doppia cifra e spread vicino al 90° percentile. Con un rendimento medio del 10,7% e uno spread di circa 550 p.b., l’asset class sembra estremamente interessante. Storicamente, quando gli spread sono stati così ampi, il rendimento complessivo nei 12 mesi seguenti è stato robusto, spesso a doppia cifra. Oltre alla possibilità di ottenere un reddito elevato, intravediamo due importanti catalizzatori all’orizzonte favorevoli a quest’asset class. Il primo e più immediato è l’imminente pubblicazione degli utili bancari per il 1° trimestre 2023 che conferma la solidità dei fondamentali. È interessante che lo scenario migliore e più probabile per gli obbligazionisti sarebbe lo status quo: (1) le banche continuano a beneficiare dei tassi più alti attraverso gli utili, (2) la capitalizzazione e la qualità degli attivi sono buone, (3) i timori sulla liquidità e i flussi dei depositi sono infondati per le grandi banche europee. Secondo, la maggior parte degli AT1 verrà verosimilmente rimborsata alla prima data di rimborso. L’esperienza ci insegna che i mancati rimborsi, finora, sono stati un’eccezione, mentre oltre il 90% dei CoCo AT1 è stato rimborsato alla prima data di rimborso dall’apertura del mercato. Sebbene il rimborso di un CoCo AT1 e il suo rifinanziamento a un costo più alto possa sembrare controintuitivo, le banche europee in genere adottano un approccio a lungo termine nelle decisioni di rimborso.

Leggi l’articolo completo.

1 As of Jan 2023, Fonte: Atlanti, Bloomberg.
2Fonte: Moody’s, al 31 dicembre 2022.
Avvertenze e informazioni importanti:

Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo puramente informativo e non costituiscono una consulenza di investimento. Le opinioni e le valutazioni contenute nel presente documento possono cambiare e riflettono il punto di vista di GAM nell’attuale contesto economico. Non si assume alcuna responsabilità per l’accuratezza e la completezza delle informazioni contenute nel presente documento. Le performance passate non sono un indicatore delle tendenze attuali o future. Gli strumenti finanziari citati sono forniti a scopo puramente illustrativo e non devono essere considerati un’offerta diretta, una raccomandazione di investimento o una consulenza di investimento o un invito a investire in qualsiasi prodotto o strategia di GAM. Il riferimento a un titolo non costituisce una raccomandazione ad acquistare o vendere quel titolo. I titoli elencati sono stati selezionati dall’universo dei titoli coperti dai gestori di portafoglio per aiutare il lettore a comprendere meglio i temi presentati. I titoli inclusi non sono necessariamente detenuti da alcun portafoglio né rappresentano alcuna raccomandazione da parte dei gestori di portafoglio.

Non si garantisce né si dichiara che gli obiettivi di investimento saranno raggiunti. Il valore degli investimenti può diminuire o aumentare. I risultati passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri. Gli investitori potrebbero perdere una parte o la totalità dei loro investimenti.

I riferimenti a indici e benchmark sono illustrazioni ipotetiche di rendimenti aggregati e non riflettono la performance di alcun investimento reale. Gli investitori non possono investire in indici che non riflettono la deduzione delle commissioni del gestore degli investimenti o di altre spese di negoziazione. Tali indici sono forniti solo a scopo illustrativo. Gli indici non sono gestiti e non prevedono commissioni di gestione, costi di transazione o altre spese associate a una strategia di investimento. Pertanto, i confronti con gli indici hanno dei limiti. Non è possibile garantire che un portafoglio corrisponda o superi un particolare indice o benchmark.

La presente presentazione contiene dichiarazioni previsionali relative agli obiettivi, alle opportunità e alla performance futura del mercato statunitense in generale. Le dichiarazioni previsionali possono essere identificate dall’uso di parole come “credere”, “aspettarsi”, “anticipare”, “dovrebbe”, “pianificato”, “stimato”, “potenziale” e altri termini simili. Esempi di dichiarazioni previsionali sono, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le stime relative alle condizioni finanziarie, ai risultati delle operazioni e al successo o meno di una particolare strategia di investimento. Tutte sono soggette a vari fattori, tra cui, a titolo esemplificativo, le condizioni economiche generali e locali, l’evoluzione dei livelli di concorrenza all’interno di determinati settori e mercati, le variazioni dei tassi d’interesse, le modifiche legislative o regolamentari e altri fattori economici, competitivi, governativi, normativi e tecnologici che influenzano le operazioni di un portafoglio e che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente dai risultati previsti. Tali dichiarazioni sono di natura previsionale e comportano una serie di rischi noti e ignoti, incertezze e altri fattori e, di conseguenza, i risultati effettivi potrebbero differire materialmente da quelli riflessi o contemplati in tali dichiarazioni previsionali. Si invitano i potenziali investitori a non fare eccessivo affidamento su qualsiasi dichiarazione o esempio di previsione. Nessuno di GAM, né delle sue affiliate o dei suoi principali, né di qualsiasi altra persona fisica o giuridica si assume l’obbligo di aggiornare le dichiarazioni previsionali a seguito di nuove informazioni, eventi successivi o qualsiasi altra circostanza. Tutte le dichiarazioni contenute nel presente documento si riferiscono esclusivamente alla data in cui sono state rilasciate.

Romain Miginiac

Fund Manager & Head of Research di Atlanticomnium SA
Approfondimenti

Contattaci – Ci piacerebbe ricevere il tuo parere

Articoli correlati

La decarbonizzazione dell’Europa: la spinta a net zero fa bene al mercato azionario europeo

Niall Gallagher

Banche europee – gli investitori danno credito a chi lo merita

Niall Gallagher

Il ruolo fondamentale delle materie prime

Danny Dhingra

Opinioni d'investimento

Contatto

Per contattare il team locale di riferimento, seleziona il tuo Paese di domicilio o visita la sezione Contatti e Sedi.