Skip to main content

COP28: è arrivato il momento di cambiare direzione?

Stephanie Maier, nostra Chief Sustainability Officer, delinea le sue speranze e le sue aspettative su COP28, mettendo sempre più a fuoco gli investimenti necessari per facilitare la transizione verso un'economia net zero.

29 novembre 2023

L’anno scorso ho analizzato le aspettative degli investitori in vista della COP27, al termine di un anno importante per gli investimenti sostenibili. A distanza di un anno, i progressi in cui speravamo si sono concretizzati? Cosa possiamo aspettarci dalla COP28 di Dubai?

COP27: risultati scoraggianti

Riesaminiamo innanzitutto la COP dello scorso anno. Con la legge per la riduzione dell’inflazione del 2022 negli Stati Uniti, si prospettavano investimenti record nell’energia pulita e in altri progetti verdi che avrebbero fatto da stimolo per ulteriori interventi su scala globale.

Analogamente, si sperava in finanziamenti su vasta scala per il clima attraverso la combinazione di fondi pubblici e incentivi strategici allo scopo di stimolare gli investimenti privati. La COP27 si proponeva altresì di avviare un processo di adattamento ai cambiamenti climatici e di risarcimento dei danni e delle perdite derivanti dai disastri naturali, nell’ottica di adattarsi ai loro effetti irreversibili.

I risultati del lavoro dello scorso anno sono stati però deludenti. Gli obiettivi poco ambiziosi della COP sono stati raggiunti attraverso interventi mediocri. Inoltre, il testo finale dell’accordo ha omesso l’impegno a ridurre gradualmente i carburanti fossili, nonostante quasi tutti gli esperti sul clima siano concordi nel ritenere necessario centrare gli obiettivi di riduzione delle emissioni.

Con l’approssimarsi della COP28 non bisogna perdere di vista la posta in gioco. Viviamo in un mondo in cui gli effetti dei cambiamenti climatici stanno provocando conseguenze disastrose per le economie e le comunità. Alla fine dell’anno più caldo della storia, gli investitori chiedono interventi risoluti.

COP28: ci risiamo

Il piano di lavoro negli Emirati Arabi è intenso. L’analisi della situazione, attraverso il global stocktake, mostra che siamo in ritardo. Resta da vedere se la presidenza COP sarà in grado di spingere le parti a lanciare un messaggio unificato per accelerare e intensificare gli interventi futuri.

Forse è arrivato il momento di cambiare direzione e di incrementare gli sforzi, come spera il Segretario esecutivo della convezione quadro delle Nazioni Unite sul clima. Un cambio di direzione potrebbe anche riflettersi sui contributi determinati a livello nazionale, in scadenza a inizio 2025, nonché sui piani di adattamento nazionale e sulle politiche dei singoli Paesi.

Finanziamenti: sempre un problema

Nel frattempo sono necessari investimenti continui sul fronte climatico, sia da parte del settore pubblico che privato, al fine di centrare gli obiettivi sul clima. Secondo le stime di Bloomberg New Energy Finance, ogni anno servono tra 3.100 e 5.800 miliardi di dollari di investimenti per il clima se si vuole centrare l’obiettivo di azzeramento delle emissioni nette, in particolare nelle economie in via di sviluppo.

Buona parte dei fondi arriverà da fonti private, tuttavia i governi giocano un ruolo fondamentale per ridurre i rischi degli investimenti sul clima nelle economie emergenti e stimolare gli investimenti. Partendo dalla creazione di infrastrutture critiche o incentivi, gli investimenti privati potrebbero diventare più interessanti qualora i governi delle economie sviluppate garantissero un profilo di rischio e rendimento migliore.

Questi Paesi però non hanno ancora rispettato la promessa di investire ogni anno 100 miliardi di dollari in ambito climatico nei Paesi in via di sviluppo. Alla COP28 gli investitori sostenibili vorranno maggiori garanzie che le promesse di finanziamenti per il clima vengano mantenute.

La transizione energetica

I nuovi investimenti devono attivare i flussi finanziari in grado di sostenere la transizione, la mitigazione dei rischi e l’adattamento, in particolare nelle economie in via di sviluppo. Per esempio, l’Indonesia presenterà questo mese un piano di transizione energetica da 20 miliardi di dollari, mentre il Sud Africa presenterà un piano da 8,5 miliardi di dollari per una partnership per la transizione energetica (JETP). Uno degli sviluppi previsti per la COP28 è l’impegno a triplicare la capacità delle energie rinnovabili su scala globale entro il 2030. La versione aggiornata della roadmap per l’azzeramento delle emissioni nette entro il 2050 dell’IEA mostra l’accelerazione dell’energia solare ma una riduzione dell’uso dell’energia eolica nel 2030.

Si discuterà inoltre delle implicazioni socioeconomiche della transizione energetica, come puntare a una giusta transizione che tenga in considerazione l’accesso universale all’energia e le opportunità di crescita nel mondo del lavoro.

La finanza sostenibile continua dunque ad avere un ruolo importante nella transizione verso un’economia net zero, ma gli interventi dei policymaker alla COP28 potrebbero amplificarne le potenzialità.

Aiutiamo la natura

La natura sarà un tema sempre più rilevante, in particolare per il suo ruolo nel processo di adattamento, negli alimentari e nell’agricoltura. Si cercherà infatti di portare avanti gli accordi raggiunti con l’Agenda per l‘adattamento di Sharm-El Sheikh e gli obiettivi ambiziosi del Protocollo Kunming-Montreal.

Un primo passo fondamentale sarà quello di raddoppiare i fondi per l’adattamento entro il 2025, andrà però presa in considerazione una gamma più ampia di interventi, tra cui le soluzioni basate sulla natura e gli approcci di adattamento basati sugli ecosistemi. Sono fattori decisivi per preservare l’ambiente naturale nel suo complesso.

Verso le politiche del futuro

Le autorità che si incontreranno alla COP28 hanno un compito particolarmente oneroso, soprattutto considerando che il presidente della conferenza presiede anche l'azienda di stato del petrolio e del gas degli Emirati Arabi Uniti (ADNOC).

È dunque fondamentale che i delegati non perdano di vista la posta in gioco. I risultati del summit di quest’anno a Dubai, a partire dai segnali che lancerà per un rinnovato impegno concreto, saranno alla base della politica e dello scenario degli investimenti in futuro.

Avvertenze e informazioni importanti
Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo puramente informativo e non costituiscono una consulenza sugli investimenti. Le opinioni e le valutazioni contenute nel presente documento possono cambiare e riflettono il punto di vista di GAM nell'attuale contesto economico. Non si assume alcuna responsabilità per l'accuratezza e la completezza delle informazioni contenute nel presente documento. Le performance passate non sono un indicatore delle tendenze attuali o future. Gli strumenti finanziari citati sono forniti a scopo puramente illustrativo e non devono essere considerati un'offerta diretta, una raccomandazione di investimento o una consulenza di investimento o un invito a investire in qualsiasi prodotto o strategia di GAM. Il riferimento a un titolo non costituisce una raccomandazione ad acquistare o vendere quel titolo. I titoli elencati sono stati selezionati dall'universo dei titoli coperti dai gestori di portafoglio per aiutare il lettore a comprendere meglio i temi presentati. I titoli inclusi non sono necessariamente detenuti da alcun portafoglio, non rappresentano alcuna raccomandazione da parte dei gestori di portafoglio né una garanzia di realizzazione degli obiettivi. I riferimenti a indici e benchmark sono illustrazioni ipotetiche di rendimenti aggregati e non riflettono la performance di alcun investimento reale. Gli investitori non possono investire in indici che non riflettono la deduzione delle commissioni del gestore degli investimenti o di altre spese di negoziazione. Tali indici sono forniti solo a scopo illustrativo. Gli indici non sono gestiti e non prevedono commissioni di gestione, costi di transazione o altre spese associate a una strategia di investimento. Pertanto, i confronti con gli indici hanno dei limiti. Non è possibile garantire che un portafoglio corrisponda o superi un particolare indice o benchmark.

Questo articolo contiene dichiarazioni previsionali relative agli obiettivi, alle opportunità e alla performance futura dei mercati in generale. Le dichiarazioni previsionali possono essere identificate dall'uso di parole come "credere", "aspettarsi", "anticipare", "dovrebbe", "pianificato", "stimato", "potenziale" e altri termini simili. Esempi di dichiarazioni previsionali sono, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le stime relative alle condizioni finanziarie, ai risultati delle operazioni e al successo o meno di una particolare strategia di investimento. Tutte sono soggette a vari fattori, tra cui, a titolo esemplificativo, le condizioni economiche generali e locali, l'evoluzione dei livelli di concorrenza all'interno di determinati settori e mercati, le variazioni dei tassi d'interesse, le modifiche legislative o regolamentari e altri fattori economici, competitivi, governativi, normativi e tecnologici che influenzano le operazioni di un portafoglio e che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente dai risultati previsti. Tali dichiarazioni sono di natura previsionale e comportano una serie di rischi noti e ignoti, incertezze e altri fattori e, di conseguenza, i risultati effettivi potrebbero differire materialmente da quelli riflessi o previsti in tali previsioni. Si invitano i potenziali investitori a non fare eccessivo affidamento su dichiarazioni o esempi previsionali. Nessuno di GAM o delle sue società affiliate o principali, né nessun altro individuo o entità si assume l'obbligo di aggiornare le dichiarazioni previsionali a seguito di nuove informazioni, eventi successivi o altre circostanze. Tutte le dichiarazioni contenute nel presente documento si riferiscono esclusivamente alla data in cui sono state rilasciate.

Stephanie Maier

Global Chief Sustainability Officer
Approfondimenti

Contattaci – Ci piacerebbe ricevere il tuo parere

Active Thinking

Risultati LVMH 2023 - Cosa potrebbero significare per il settore del lusso?

Flavio Cereda

La rivoluzione dell’intelligenza artificiale: quali implicazioni per gli investimenti ESG?

Stephanie Maier

The Disruptive Strategist: L’ascesa dei farmaci per dimagrire GLP-1

Kevin Kruczynski

Opinioni d'investimento